Ortofrutta

La Patata Americana

Last Updated on Tuesday, 23 October 2012 08:09 Written by Administrator Monday, 01 October 2012 12:52

LA PATATA AMERICANA
La patata americana, meno conosciuta come batata (Ipomoea batatas L.) è una specie appartenente alla famiglia delle Convolvulaceae. Nonostante il nome diffuso di patata dolce o americana, il rapporto con le patate comuni è minimo, in quanto queste ultime appartengono alla famiglia delle Solanaceae, come i pomodori. La Batata è originaria dell'America centrale e fu introdotta in Spagna da Colombo. In Italia è giunta intorno nei primi decenni del XVII secolo, ma la sua coltivazione (famosa quella  prodotta ad  Anguillara Veneta) è cominciata solo verso la fine dell'Ottocento. Coltivata nelle regioni tropicali per i suoi rizotuberi commestibili, dolci e ricchi di amido, è diffusamente coltivata in Asia, dove occupa una superficie di più di 10 milioni di ettari. La Patata dolce si presta per innumerevoli preparazioni culinarie, al forno, al cartoccio, lessata o fritta.  

 

Il Melone Giallo Invernale

Last Updated on Tuesday, 02 October 2012 07:30 Written by Administrator Monday, 24 September 2012 12:25

 

IL MELONE GIALLO

II melone giallo (Cucumis melo L. varietà Inodorus), detto anche melone d'inverno, si contraddistingue dai cosiddetti meloni estivi (var. cantalupensis e reticulatus) per la possibilità di essere conservato per un lungo periodo. E' una Cucurbitacea annuale a ciclo primaverile estivo, con apparato radicale capace di raggiungere elevate profondità e di ramificarsi oltre i 2 metri. Il frutto ha una temperatura di maturazione molto elevata (25-30°C) e per questo la coltivazione di questi meloni è praticata quasi esclusivamente nel meridione d’Italia e in Sicilia in particolare (famoso è il melone di Paceco, in provincia di Trapani). Il melone giallo presenta la polpa bianca, verde chiaro o gialla, poco profumata ma molto dolce.

Il Fico D'India, Il Pane Delle Regioni Aride

Last Updated on Tuesday, 02 October 2012 07:32 Written by Administrator Monday, 10 September 2012 12:07

IL FICO D’INDIA, IL PANE DELLE REGIONI ARIDE

Originario dell’America centrale e più precisamente del Messsico, il fico d’india è stato importato al tempo delle grandi scoperte geografiche, circa cinque secoli fa. Adattatosi perfettamente al clima mediterraneo è oggi comune in molte zone del Mezzogiorno d’Italia; Sicilia, Calabria, Puglia e Campania in particolare. Dal punto di vista alimentare il Fico D’India è ricco di zuccheri, ha un gusto dolce, aromatico e fresco. Viene consumato crudo, dopo averne asportato accuratamente la cuticola spinosa, o per la produzione di conserve e sciroppi.

 

I Mirtilli Neri Spontanei Sono Buoni e Fanno Bene

Last Updated on Saturday, 17 August 2013 07:21 Written by Administrator Monday, 06 August 2012 12:06

 MIRTILLI NERI SPONTANEI SONO BUONI E E FANNO BENE

Il mirtillo nero (Vaccinuim myrtillus) cresce spontaneo in Italia nelle Alpi e negli Appennini fino all'Abruzzo, fino a circa 2000 metri di altitudine. Tra le diverse specie il mirtillo nero è quello maggiormente ricco di principi salutari. Infatti contiene zuccheri e molti acidi, in particolare l’acido citrico (che protegge le cellule) ma anche l’acido ossalico, l’idrocinnamico e il gamma-linolenico. L’acido ossalico è quello che conferisce il classico sapore asprigno del frutto; l’acido idrocinnamico è molto efficace perché è in grado di neutralizzare le nitrosammine cancerogene (prodotte nell’apparato digerente in conseguenza dell’ingestione di nitrati); l’acido gamma-linolenico invece è molto utile al sistema nervoso perché previene la nefropatia diabetica. Ma non è tutto: il mirtillo nero è particolarmente ricco di acido folico (una vitamina molto importante per le varie numerose funzioni che svolge) e contiene tannini e glucosidi antocianici, i quali oltre a dare al frutto il suo caratteristico colore, riducono la permeabilità dei capillari e ne rafforzano la struttura. Le antocianine infine, presenti in grandi quantità, rafforzano il tessuto connettivo che sostiene i vasi sanguigni e ne migliorano l’elasticità ed il tono. Riescono in tal modo a svolgere un’azione antiemorragica nonché contro i radicali liberi. Tutte questa sostanze poi favoriscono e aumentano la velocità di rigenerazione della porpora retinica, migliorando la vista specialmente la sera, quando c’è poca luce.

La Melanzana, L'ortaggio Per L'estate

Last Updated on Tuesday, 07 August 2012 06:53 Written by Administrator Monday, 16 July 2012 12:42

 

LA MELANZANA, L’ORTAGGIO PER L’ESTATE 

La melanzana, disponibile in abbondanza nella stagione estiva, grazie alle sue proprietà, risulta essere particolarmente utile per il nostro organismo. Grazie al suo alto contenuto di acqua, la melanzana è considerata innanzitutto depurativa  ed è quindi consigliata nei casi di gotta, arteriosclerosi e problemi di infiammazione alle vie urinarie; la buona presenza di potassio e di altri sali minerali le conferisce poi proprietà rimineralizzanti e ricostituenti.
Le melanzane contengono inoltre alcune sostanze amare, presenti anche nelle foglie dei carciofi, che contribuiscono a stimolare la produzione di bile ed anche ad abbassare il tasso di colesterolo "cattivo" nel sangue. Essendo un ortaggio molto povero di calorie e ricco di fibre, la melanzana è spesso inserita nelle diete dimagranti.
Una cosa di cui dobbiamo tener conto, se vogliamo "approfittare" delle proprietà e dei benefici della melanzana, è quella di non eccedere con i condimenti, in particola modo l'olio, in quanto la melanzana ha tra le sue caratteristiche quella di assorbire in modo particolare i grassi.
La melanzana non contiene glutine e può quindi essere consumata dalle persone interessate dal morbo celiaco.

 

Page 6 of 18

«StartPrev12345678910NextEnd»
Read our greengeeks review if you need a business class web hosting.